Scientificamente tradotto

Quando scienza e tecnica diventano il pane quotidiano del traduttore

La traduzione tecnico-scientifica

L’informazione di natura tecnico scientifica rappresenta una fetta crescente dei contenuti circolanti e, per un’agenzia come Contextus, rappresenta una grande opportunità di specializzazione, un territorio che non può rimanere inesplorato. Tuttavia la traduzione tecnico-scientifica è diversa da ogni altra e rappresenta un’area vasta, che comprende testi dalle molte sfumature.

Innanzitutto, cosa si intende per contenuto tecnico-scientifico? In linea di principio tutto ciò che in qualche modo è legato a un settore tecnico-tecnologico (dal manuale di un’automobile al progetto di una centrale elettrica, fino agli ingredienti di un prodotto alimentare) o scientifico (dall’articolo scientifico dal taglio accademico all’articolo divulgativo destinato al grande pubblico).

Quando le parole pesano

I testi tecnico-scientifici sono molto diversi tra loro, ma sono tutti accomunati dal fil rouge della loro natura tecnico scientifica e dell’uso, più o meno esteso, di una terminologia ben precisa che lega le parole e il loro senso a doppia mandata. Il modo di esprimersi dell’autore tecnico-scientifico è rigoroso e si riferisce a un linguaggio molto specifico, in cui a ogni parola corrisponde un concetto in maniera univoca.

Per intenderci, la parola “cuore” in un testo scientifico significa “cuore”, l’organo, e nient’altro (non il luogo dei sentimenti né il centro di un discorso), senza doppi significati o metafore proprie del linguaggio “naturale”, quello, cioè, che parliamo tutti i giorni ed è ricco sfumature. Se la parola A nella lingua 1 significa B, dovrà essere tradotta nella lingua 2 con la corrispondente parola C che non significa altro che B. Il lessico scientifico è estremamente preciso e il linguaggio cui dà vita è regolato da norme ben precise, standardizzate diversamente a seconda dell’ambito.

Al traduttore scientifico vengono perciò richieste competenza nel settore di riferimento dei testi da tradurre (ossia deve avere un vasto vocabolario scientifico e la capacità di comprendere ciò che sta traducendo) e precisione maniacale nel trasporne i termini.

Gli specialisti

È per questo che il costo della traduzione tecnico-scientifica è più alto se paragonato a quello della “semplice” traduzione editoriale. Il testo tecnico o scientifico deve essere necessariamente affrontato da uno specialista. I contenuti medico-scientifici dovrebbero essere tradotti da medici o biologi, così come testi ingegneristici da ingegneri e via dicendo…  

Tuttavia un medico o un ingegnere non sono quasi mai traduttori e non hanno necessariamente la competenza linguistica e autorale per esserlo. In ogni caso esistono traduttori, redattori ed editor specialisti che hanno acquisito competenze e lessico, stile e modalità di formattazione molto specifiche in campi del sapere tecnico-scientifico e possono essere considerati veri esperti della materia (sotto il profilo linguistico e concettuale… Non chiedete a un traduttore di eseguire un’appendicectomia!).

C’è testo e testo

Nello stesso ambito tecnico scientifico esistono testi molto differenti tra loro, non solo perché fanno riferimento ad aree del sapere scientifico differente (basti pensare alla distanza che esiste tra biotecnologie vegetali e l’anatomia comparata, per esempio), ma anche perché sono caratterizzati da impieghi differenti (si passa dall’ambito teorico a quello applicativo) e vengono concepiti con scopi differenti (divulgativo, accademico, tecnico…).

L’articolo scientifico e il testo didattico accademico

È la massima espressione del contenuto scientifico. Nella stragrande maggioranza dei casi il traduttore si trova a lavorare su articoli e review che trattano i risultati della ricerca scientifica. I temi sono “alti”, spesso complessi, certamente super-specialistici e richiedono competenze specifiche. Qualsiasi deviazione dal lessico standard utilizzato dagli scienziati rende la traduzione poco credibile e poco professionale agli occhi del lettore competente (senza contare il rischio di travisare un concetto se mal interpretato). In questo caso l’appartenenza culturale a settori affini a quello del testo da tradurre da parte del traduttore è da considerarsi praticamente obbligatoria. Contextus si è trovata e si trova nella condizione di tradurre testi simili. Per esempio, nel caso dei contenuti destinati al catalogo di The Florence Experiment la traduzione è stata affidata a un biologo, nel caso di Fondamenti di genetica medica edito da Pearson la traduzione è stata affidata a un genetista e la revisione a un editor scientifico specialista.

Il contenuto tecnico

Manuali d’uso, bugiardini, progetti, brevetti e schede prodotto sono tipici esempi di testi “tecnici”. Qui la trasposizione deve creare una precisa corrispondenza tra i termini presenti nel testo sorgente e nel testo d’arrivo. In questo campo la competenza e la pratica con testi dalla formattazione tanto particolare è la base da cui partire per ottenere una traduzione di qualità. Inoltre si tratta di testi delicati, la cui errata traduzione può avere conseguenze anche legali (basti pensare ai bugiardini dei farmaci o ai brevetti). Contextus ha affrontato questo genere di testi in varie occasioni, come nel caso dei materiali di presentazione di ITP e Golden Star e nel farlo si è affidata a specialisti della comunicazione tecnico scientifica in grado di interpretare i testi originali, di tradurli e di contribuire al loro editing localizzandoli sul mercato di riferimento.

La divulgazione scientifica

È un mondo a parte, quello della divulgazione scientifica, a cavallo tra traduzione editoriale-autorale e traduzione tecnico-scientifica. I testi divulgativi sono testi “semplificati” in cui concetti scientifici vengono tradotti dal linguaggio scientifico a quello corrente, in modo che anche i non addetti ai lavori possano comprenderli. La traduzione di questo genere di testi richiede equilibrio, la stessa capacità autorale che è richiesta in ambito editoriale e allo stesso tempo le basi scientifiche per ben comprendere il testo sorgente ed essere in grado di trasporlo con efficacia nella lingua d’arrivo. Un traduttore competente è l’unico a dare garanzie assolute nella resa del senso scientifico dei testi divulgativi. Nel caso di Tutto sugli squali o Tutto su rocce e minerali  del National Geographic ci siamo affidati, per esempio, rispettivamente a uno zoologo e a un naturalista.

L’ambito medico-farmaceutico

Al di là dei bugiardini dei farmaci, già citati sopra, l’ambito medico-farmaceutico è ampio e copre una vasta gamma di argomenti in cui l’ambito scientifico e tecnologico spesso si mischiano, così come la divulgazione e la comunicazione al pubblico. D’altronde, la sanità e il benessere sono argomenti che interessano tutti e ci coinvolgono a vari livelli. Ecco perché uno specialista dovrà essere in grado di trasferire chiaramente, da lingua a lingua, i concetti in maniera precisa e inequivocabile. Contextus ha operato e opera anche in questo campo del sapere scientifico. L’agenzia, per esempio, ha tradotto il materiale medico informativo per il sito di Lipogems. Nel caso specifico, il traduttore non solo ha tradotto i testi dall’inglese all’italiano ma ha anche contribuito alla produzione di nuovi testi in italiano, in linea con le regole italiane della comunicazione del farmaco ben diverse rispetto a quelle americane. In questo caso più che mai, le competenze specifiche del nostro traduttore hanno contribuito alla resa di un progetto che altrimenti sarebbe stato difficile e insidioso per un non addetto ai lavori.